Corruzione: Casini, troppi ladri in politica, legge prima del voto

2010-02-23T12:53:00
Roma, 23 feb. (Apcom) – Il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, si dice disposto a votare un provvedimento per inasprire le pene per i corrotti prima delle elezioni. Interpellato dai cronisti a Montecitorio, osserva: “Un ddl bisogna farlo ora e subito perché ci sono troppi ladri in politica. Bisogna farlo assieme, deve essere il frutto di un lavoro comune e non può essere rinviato alle calende greche perché la questione morale è esplosa”.

Secondo Casini, tuttavia, “non si può parlare di nuova Tangentopoli perché allora si rubava per nome e per conto dei partiti, oggi si ruba per l’arricchimento personale. E’ molto peggio oggi”. L’ex presidente della Camera infatti si dice “totalmente d’accordo” con l’intervista di Beppe Pisanu, oggi sul Corriere della Sera: “condivido il suo giudizio storico e politico, è sbagliato ogni tentativo di minimizzare”.

Quanto alla proposta del leader di Idv, Antonio Di Pietro, di fare il provvedimento per decreto, Casini dice: “E’ una buona idea anche se non è necessario un decreto, basterebbe un ddl con una corsia preferenziale che porti all’approvazione prima del voto delle regionali”.










Lascia un commento