Elezioni Tassone, da Camera segnale chiaro a criminalita’

2010-02-24T19:51:00
(ANSA) – ROMA, 24 FEB – ‘Con l’approvazione delle proposte di legge unificate che vietano ai sorvegliati speciali di fare propaganda politica, il Parlamento ha mandato un segnale chiaro e univoco alla criminalita’ organizzata, strappando di dosso distintivi e presunti gradi di ‘nobilta’ a chi pensa, pur essendo un delinquente sottoposto a misure di prevenzione, di poter gestire indisturbato le campagne elettorali’.
E’ quanto afferma il vicesegretario nazionale dell’Udc Mario Tassone, capogruppo centrista in commissione Antimafia, firmatario di una delle proposte di legge unificate che vietano ai sorvegliati speciali di fare propaganda politica.
‘Dopo gli ultimi accadimenti che – sostiene Tassone – hanno destato ulteriore sgomento nell’opinione pubblica, serviva un segnale forte come questo: e’ evidente che non sia piu’ in gioco solo il contrasto a una determinata cosca, ma la cultura, la civilta’, la democrazia e la liberta’ del nostro Paese’.
‘Oggi il Parlamento – conclude Tassone – ha lavorato unito e ha reso un ottimo servizio ai cittadini, contribuendo a rompere un ingranaggio di quel circuito della micro e macro criminalita’ e della corruzione che si infiltra nella politica e rende vulnerabili le istituzioni’.

 

 










Lascia un commento