Corruzione: Casini, questione morale c’è, no candidature discusse

2010-03-01T17:31:00
Milano, 1 mar. (Apcom) – In Italia “la questione morale esiste”, quindi sono “importanti” le norme anticorruzione varate oggi dal governo ma sarebbe stato meglio non avere in lista “personaggi discussi, discutibili e magari già condannati”. Lo afferma il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, secondo cui “la discussione sulla questione morale e il provvedimento contro la corruzione in politica acquista un significato di ipocrisia generale se si pensa che ci sono stati dei condannati che sono stati messi nelle liste dei partiti politici”.










Lascia un commento