Par condicio: Casini, no bavaglio a campagna elettorale

2010-03-02T11:24:00
(ANSA) – ROMA, 2 MAR – ‘La decisione del Cda della Rai e’ del tutto sbagliata. Terremoto, piccole e medie imprese, famiglie, tasse: si vuole mettere il silenziatore alla campagna elettorale’. Cosi’ il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, commenta con i cronisti la decisione del Consiglio di amministrazione della Rai di sospendere i talk show per la durata della campagna elettorale.
‘Faccio un appello al presidente Berlusconi – precisa Casini – che quando e’ sceso in campo (e noi eravamo con lui), ha fatto un discorso di competitivita’ e di accesso: oggi non puo’ diventare l’uomo del bavaglio e della censura. E’ in contraddizione con tutta la sua storia politica ed umana. Spero si possa rimediare a questa politica ‘birmana’ che mette il silenziatore a tutta l’opinione pubblica’.
‘La par condicio – conclude Casini – c’e’ proprio perche’ ci vogliono regole. Bisogna che non si spenga l’attenzione dell’opinione pubblica nella campagna elettorale’.










Lascia un commento