Regionali Umbria: Binetti, potenziale cultura non considerato

2010-03-10T18:18:00
(ASCA) – Perugia, 10 mar – ‘Ancora una volta si tocca con mano come la Cultura in Umbria non sia considerata in tutto il suo potenziale di risorsa per il turismo tipico delle citta’ d’arte e sia mantenuta invece ad un semplice livello di sopravvivenza’. E’ la riflessione espressa da Paola Binetti, candidata dall’UdC alla Presidenza della Regione Umbria, dopo la visita all’Accademia di Belle Arti ‘Pietro Vannucci’ di Perugia. ‘Tra i tesori nascosti dell’Umbria – ha detto rivolgendosi al presidente Alfredo De Poi – l’Accademia rappresenta un patrimonio di cultura e di tradizioni artistiche che meriterebbe ben altra visibilita’ e ben altri sostegni da parte della Regione. Il suo spazio espositivo e’ bloccato da oltre 10 anni, perche’ dichiarato inagibile per una frana che non avendo nulla a che vedere con il terremoto non ha potuto godere degli aiuti previsti. I suoi archivi ospitano splendidi disegni che vantano qualche centinaio di anni e una sorta di magazzino ospita i gessi originali delle Tombe medicee insieme a quelli ancora piu’ antichi del Laocoonte e dell’Apollo arnese’. Tuttavia, ha rilevato la candidata ‘una struttura destinata all’alta formazione artistica, tra le piu’ antiche d’Italia, soffre di una carenza cronica di fondi e lamenta una complessita’ burocratica che paralizza lo slancio del Direttore della Fondazione e del Direttore artistico dell’Accademia’. La convinzione di Binetti ‘l’Accademia potrebbe entrare in un circuito museale capace di mostrare come nasce un’opera d’arte, come si tramanda grazie anche alle sue copie, innestando un processo formativo che comincia esponendo i giovani al contatto con i classici e li stimola a restare in ascolto delle suggestioni del loro tempo’. ‘Il nostro impegno in campagna elettorale – ha concluso – parte dalla scoperta di questi tesori nascosti di arte e di formazione per rilanciarli all’attenzione degli organi istituzionali e dell’opinione pubblica. Accendere i riflettori su queste nicchie significa impegnare la Regione in un prossimo futuro a non sottrarsi alla sua responsabilita’ di sostegno concreto a cio’ che costituisce l’immagine piu’ autentica dell’Umbria in tutto il Paese e spesso nel mondo intero’.










Lascia un commento