Regionali: Ronconi, improcrastinabili nuove regole enti locali

2010-03-18T14:05:00
(ASCA) – Perugia, 18 mar – ‘E’ ormai improcrastinabile rivedere le disposizioni che regolano gli enti locali, vietando terzi mandati non solo ai presidenti di regione ma anche agli assessori cosi’ da evitare incrostazioni che a livello locale sono sempre piu’ evidenti’. Questa la riflessione di Maurizio Ronconi, responsabile nazionale dell’Udc per i rapporti con gli enti locali, secondo il quale non esiste ‘nessuna volonta’ di giustizialismo, ma le vicende dell’assessore lombardo Piacentini e di quello pugliese Frisullo sono la faccia della stessa medaglia’. Per Ronconi, ‘non e’ bastata tangentopoli e neppure imporre il bipolarismo per sradicare la mala pianta della corruzione in politica. Anzi, il bipolarismo ‘urlato’ e ‘palestrato’ – ribadisce – spinge spesso i politici a ricercare maggiori ‘risorse’ per ‘tenere botta’ e mantenere i necessari apparati’. Per l’esponente centrista, infatti il ‘sistema degli enti locali in cui in pochissimi hanno le chiavi del potere e dove i controlli sono praticamente inesistenti, si e’ trasformato un vero brodo di coltura per azioni corruttive’.










Lascia un commento