Riscossione: Cintola, regione verifichi gestione Serit

2010-03-31T19:58:00
(AGI) – Palermo, 31 mar. – “E’ indispensabile una verifica da parte dell’assessorato regionale all’Economia rispetto alla gestione del servizio di riscossione dei tributi di cui e’ concessionaria la Serit. Risultano diverse irregolarita’ che penalizzano i contribuenti siciliani. Tra queste va verificato se l’agente della riscossione promuova procedure cautelari (fermo amministrativo) e procedure esecutive anche per il recupero di pubbliche entrate prescritte. Inoltre e’ necessario conoscere se le procedure esecutive vengano promosse anche nei casi di impignorabilita’ totale o parziale (pensioni e stipendi) e se venga negato il diritto ad una maggiore rateazione dei debiti tributari”. Lo afferma Toto’ Cintola, deputato regionale dell’Udc, firmatario di un’interrogazione parlamentare sulle attivita’ della Serit Sicilia. “Ritengo ineludibile – aggiunge Cintola – che il Governo regionale intervenga con una direttiva alla Serit per ristabilire legittimita’ d’azione, ove fosse venuta meno. Dall’assessorato regionale all’Economia mi aspetto anche un’azione amministrativa ed ispettiva su Serit Sicilia”.










Lascia un commento