Regione: Fagà, donne escluse? Basta lacrime di coccodrillo

2010-04-02T16:17:00
(AGI) – Catanzaro, 2 apr. – “Provo veramente un certo disagio nel leggere le solite e ricorrenti lamentele sull’esclusione delle donne dal Consiglio Regionale. E’ un film annunciato e per questa violenta offesa alla democrazia paritaria abbiamo soprattutto grande responsabilita’ noi donne. E’ inutile versare lacrime di coccodrillo e facciamoci un bell’esame di coscienza”. Lo afferma Marisa Faga’, responsabile nazionale dell’Udc per le Pari Opportunita’. “L’isolata azione di alcune di noi – afferma – di fronte al silenzio assoluto delle altre e degli altri con responsabilita’ politica ed istituzionale e’ stata risibile. Evitiamo pertanto i piagnistei e le lamentazioni ,quando qualcuna di noi ha chiamato alla mobilitazione quale e’ stata la risposta? una tombale indifferenza. Del grave arretramento siamo responsabili tutte.
Come e’ responsabile tutto il Consiglio Regionale uscente,tranne i nove che hanno votato l’emendamento presentato da Liliana Frasca’, che al fine di abbattere il deficit di democrazia ,proponeva l’assunzione della doppia preferenza di genere da noi avanzata. Certamente bisogna stigmatizzare il fatto che la maggioranza di centro sinistra ha,tra le tante colpe quella imperdonabile di aver causato un peggioramento della democrazia, facendoci ritornare ai tempi in cui le donne non avevano diritto al voto passivo. Il mio appello e’ di tentare di cancellare questa vergognosa pagina, mettendoci da subito a lavorare per consegnare al nuovo Consiglio una proposta condivisa. Sono fiduciosa – conclude – che, se sapremo spogliarci delle nostre appartenenze con un attento e costruttivo gioco di squadra potremo preparare un reale ricambio generazionale e di genere”.










Lascia un commento