Agricoltura: Ruvolo, serve un’unita’ di crisi

2010-04-20T15:43:00
(AGI) – Palermo, 20 apr. – Anche alcuni esponenti dell’Udc, i parlamentari Giuseppe Ruvolo, Orazio Ragusa, Fausto Fagone e Salvatore Cascio, hanno solidarizzato in piazza con Cia e Confagricoltura che oggi hanno manifestato a Palermo per sollecitare misure anticrisi. “Da diversi mesi -dice Ruvolo- segnaliamo la grave crisi della agricoltura siciliana, alle prese con i notevoli costi alla produzione e con l’esiguita’ dei ricavi nella commercializzazione dei prodotti, al punto che alcune specifiche produzioni sono divenute antieconomiche.
Riteniamo prioritaria sia l’esenzione delle accise per le imprese agricole sia la fiscalizzazione degli oneri previdenziali per i prossimi tre anni. Strumento essenziale per una campagna in favore del comparto e’ la Dichiarazione dello stato di crisi del sistema agricolo siciliano. L’Udc ha formalmente chiesto il rilancio del fondo investimenti del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, l’adozione di politiche incentivanti per l’imprenditoria giovanile e femminile ma anche il rafforzamento delle strutture nazionali per la tutela delle produzioni e del territorio, e, quindi, la difesa del Made in Italy, con maggiori garanzie e controlli sulla sicurezza alimentare e sulla qualita’ dei prodotti, a difesa della salute del consumatore. “Ci battiamo -conclude Ruvolo- per l’Istituzione di una unita’ di crisi per l’agricoltura, formata da governo, conferenza Stato-regioni e rappresentanti degli Enti Locali, nella consapevolezza che si e’ perso gia’ molto tempo e che occorrono soluzioni immediate”.










Lascia un commento