Federalismo: Mannino, legge accentua diseguaglianze, va ridiscussa

2010-04-30T14:17:00
Roma, 30 apr. – (Adnkronos) – La posizione del presidente della Puglia Nichi Vendola sul federalismo fiscale e’ “molto apprezzabile”.
Lo sottolinea Calogero Mannino, parlamentare dell’Unione di centro, ricordando che la “sua posizione non e’ solitaria ed e’ bene ricordare che l’Udc ha votato contro il testo della legge 42, proprio con delle valutazioni che riguardavano i criteri di riduzione del gettito delle imposte segnatamente quelle indirette come l’Iva”.
“Con questo criterio -continua Mannino- verrebbero agevolate alcune, non tutte, le regioni del Nord e vorrebbero sacrificare tutte le regioni del Centro-Sud. Questo sarebbe il federalismo dei forti, che ignora il principio fondamentale secondo cui il gettito d’imposta non deve essere attribuito in cui l’Iva deve essere versata ma al luogo in cui matura la fattispecie tributaria. Il federalismo che si vuole introdurre e’ il federalismo della disuguaglianza allora la presa di posizione di Vendola e’ opportuna ma si rivolge al Pd”.
“L’Udc aveva gia’ dato esemplarmente segno della sua valutazione politica con il voto contrario alla legge 42, adesso prima che vengano fatti alcuni misfatti, che oltretutto farebbero saltare l’unita’ del sistema fiscale, occorre riprendere la discussione -conclude Mannino- per evitare che il pasticcio Calderoli avallato da Tremonti giunga al sui cattivo fine”.










Lascia un commento