Sanità: Binetti, serve nuovo tipo alleanza medico-paziente

2010-04-30T17:28:00
(DIRE) Roma, 30 apr. – La relazione tra bioetica e politica sara’ al centro di un dibattito che si terra’ lunedi’ prossimo al Campus Biomedico di Roma. Sul tema interverranno la senatrice Maria Pia Garavaglia (Pd) e la deputata Paola Binetti (Udc) che ne discuteranno con Luigi Frati, rettore della Sapienza, Enzo Denaro, preside della facolta’ di medicina del Campus e Victor Tambone, docente di Bioetica, in occasione della presentazione del volume ‘Medical Education: luci ed ombre’.
“Il tema e’ di particolare interesse perche’ si inserisce in un momento in cui il dibattito politico sui temi della bioetica sta cercando punti di convergenza tra posizioni che sembrano molto distanti tra di loro e che oscillano tra una aperta conflittualita’ e il rischio di un silenzio assordante dopo momenti di forte tensione mediatica, come sta accadendo per l’attuale discussione sul testamento biologico- commenta Binetti- Il testo prova ad immaginare in che modo la pedagogia medica possa aiutare a gestire i cambiamenti del contesto culturale in cui viviamo, partendo dal nuovo tipo di alleanza che dovrebbe stringersi tra medici e pazienti. C’e’ sullo sfondo- prosegue la deputata- un cambiamento radicale del paradigma della medicina con il rischio che il paziente, nell’esercizio del suo diritto di autodeterminazione, accentui il carattere contrattualistico del rapporto con il medico mettendo in primo piano la richiesta di non-cura e lasciando sullo sfondo il suo diritto fondativo a ricevere le cure di cui ha bisogno, come prevede l’articolo 32 della Costituzione. E’ necessario ripartire dalla educazione medica in un tempo in cui i temi come la vita e la morte, la salute e la malattia coinvolgono l’opinione pubblica sull’onda dell’emotivita’ generata dai fatti di ‘cronaca’ degli ultimi anni”.










Lascia un commento