Aborto: Santolini, dopo Rossano attendiamo giro vite del governo

2010-05-06T15:40:00
Roma, 06 MAG (Il Velino) – “Se si fosse trattato di un parto prematuro, ci sarebbe stata una corsa spasmodica per salvare la vita a quel feto. Invece era un ‘semplice’ aborto.
E come tale e’ bastato ‘supporne’ il decesso anziche’ verificarlo con certezza. Come avvenuto nella precedente legislatura, l’Unione di Centro ripresentera’ la proposta di legge di modifica dell’articolo 6 della legge 194/78 per scongiurare nuovi casi drammatici come quello avvenuto a Rossano”. Cosi’ la deputata dell’Unione di Centro Luisa Capitanio Santolini, responsabile Udc per la Famiglia e le politiche sociali, intervenuta in aula con un’interpellanza urgente sulla vicenda del feto inizialmente sopravvissuto all’aborto terapeutico all’ospedale di Rossano.

“Senza nulla togliere all’autorevolezza del sottosegretario Eugenia Roccella – ha sottolineato l’esponente centrista -, un caso cosi’ tragico avrebbe richiesto la presenza in aula del ministro della Salute, Ferruccio Fazio. Sono convinta che a Rossano la legge 194 sia stata violata con estrema superficialita’; che quel feto non aveva 22 settimane, altrimenti non avrebbe mai ‘sgambettato’ come testimoniato dal sacerdote che l’ha rinvenuto; che la mamma non e’ stata sufficientemente aiutata nel prendere una decisione cosi’ grave. Ma cio’ resta una convinzione del tutto personale. Attendiamo il risultato dell’autopsia – conclude l’esponente dell’Udc -, ma anche un rapido intervento del governo per prevenire una volta per tutte questi eventi cosi’ terribili”.










Lascia un commento