Governo: Buttiglione, Berlusconi non pensi di cooptarci in sistema potere

2010-05-11T13:46:00
Roma, 11 mag. (Adnkronos) – ‘Berlusconi guarda all’Udc con interesse? Mi sembra un fatto positivo, ma bisogna guardare a noi in tema di valori e principi e non certo in termini di cooptazione in un sistema di potere…’. Rocco Buttiglione si ferma a parlare alla Camera del rapporto tra Pdl e centristi dopo le voci che tornano a parlare di una possibile ‘ricucitura’ in vista del 2013 quando Silvio Berlusconi potrebbe aprire la porta all’ingresso di Pier Ferdinando Casini nella maggioranza al posto dei finiani. Il presidente dell’Udc resta scettico e si lamenta del ‘mancato rispetto’ degli impegni presi dal Cavaliere con il suo partito nelle regioni dove hanno vinto insieme.
Buttiglione ribadisce la proposta lanciata in queste giorni da Casini di una nuova fase di riconciliazione nazionale attraverso un governo tecnico istituzionale per superare i mali che affliggono la coalizione. ‘Si puo’ non essere d’accordo con la proposta di un governo di responsabilita’ istituzionale -dice l’ex ministro all’ADNKRONOS- pero’ Casini pone una serie di questioni importanti.
Innanzitutto, l’Italia dovra’ conformarsi a regole di Maastricht piu’ severe. Poi, ci sono delle riforme che erano necessarie e ora sono diventate improcrastinabili come le liberalizzazioni, le pensioni e i tagli alla burocrazia e nella pubblica amministrazione’.
‘Si impone, insomma -avverte Buttiglione- un programma preciso.
Ora la domanda e’: se la sente questo governo di fare tutto da solo?
Se se la sente, come dice, gli faccio i migliori auguri, ma faccia qualcosa… Mi chiedo cosa abbiamo fatto fino ad ora, in questi due anni. Tutti dicono no alla proposta di Casini di un governo di salute pubblica, ma che alternativa concreta offrono? Sta arrivando una tempesta che rischia di travolgere la barca e loro assicurano di non vedere nulla all’orizzonte. Bene, speriamo che abbiamo ragione…’, conclude il presidente dei centristi.

 










Lascia un commento