Udc: Casini, con Berlusconi? Cose vecchie non ci interessano

2010-05-15T14:42:00
(ANSA) – ROMA, 15 MAG – ‘Cose vecchie non ci interessano e sono degradanti per noi, per i nostri elettori e forse anche per la stessa maggioranza’. Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc, ai microfoni del Tg2 smentisce ancora una volta le voci di un ritorno all’alleanza con Silvio Berlusconi, sostenendo che al Paese ‘serve una fase nuova’ in cui il governo ‘passi dalla retorica dell’autosufficienza del ‘tutto va bene” per fare un ‘grande appello all’opposizione’ perche’ l’Italia rischia di ‘andare a fondo’.

Alla richiesta di un commento al ‘gossip’ che circola nei palazzi della politica che vuole l’imminente ritorno di Casini a fianco di Berlusconi, il leader dell’Udc ha risposto con una domanda: ‘All’Italia servono le cose vecchie o servono le cose nuove? Io – ha aggiunto, intervistato dal Tg2 – credo servano le cose nuove. Le cose vecchie sono il trasformismo, le cose vecchie sono che un partito per una poltrona cambia la sua politica. E le cose vecchie non ci interessano: sono degradanti per noi, per i nostri elettori e forse anche per la stessa maggioranza’.
‘Queste cose – ha proseguito il leader centrista – fanno parte di tutto quello che la gente oggi non accetta piu’: serve aprire invece una fase nuova’. Per Casini, infatti, ‘il governo deve passare dalla retorica dell’autosufficienza del ‘tutto va bene’, prendere atto che la questione e’ drammatica perche’ dietro l’angolo c’e’ la Grecia e fare un grande appello all’opposizione perche’ o remiamo tutti nella stessa direzione o la barca del Paese rischia di andare a fondo’.
‘Questa e’ la fase nuova che ci interessa. Il resto, francamente, lasciamo al gossip della politica’.










Lascia un commento