Camera: Casini, ridurre stipendio a parlamentari assenteisti

2010-05-18T19:13:00
(AGI) Roma, 18 mag. -“Decurtiamo gli stipendi dei parlamentari a seconda della presenza o meno ai lavori nelle commissioni”.
Questa la proposta avanzata in aula a Montecitorio da Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc, in risposta all’allarme lanciato dal presidente Fini e all’intervento del capogruppo Pd Dario Franceschini. Per Casini “il pericolo e’ che qui si assista a un progressivo svuotamento di attribuzione di responsabilita’ da parte della maggioranza nei confronti del Parlamento. La maggioranza, invece, deve essere con noi impegnata nella difesa della centralita’ del Parlamento, perche’ sminuire e delegittimare il Parlamento alla lunga non servira’ a nessuno, tantomeno alla maggioranza parlamentare”.
Casini vuole soprattutto difendere i parlamentari corretti da quelli assenteisti ed esorta: “Fini passi dalle parole ai fatti e difenda la dignita’ dei singoli parlamentari, di quelli che fanno seriamente il loro dovere. E’ chiaro che il problema va affrontato a livello istituzionale e politico ma chiedo intanto- annuncia il leader Udc – la modifica del regolamento con la verifica delle presenze che si sposti dall’Aula nelle commissioni, con la decurtazione dello stipendio per chi non partecipa ai lavori delle commissioni parlamentari”.










Lascia un commento