Intercettazioni: Udc, ritiro emendamento buon passo indietro

Roma, 20 mag. (Apcom) – L’Udc giudica “un buon passo indietro” il ritiro dell’emendamento al ddl intercettazioni del relatore Centaro, che aggrava le pene per i giornalisti che pubblicano atti di un procedimento penale di cui sia vietata per legge la pubblicazione. “Tuttavia, crediamo che non si possa procedere alla riforma di un così importante strumento di indagine con la logica del gambero”, sostiene il presidente dei senatori centristi Gianpiero D’Alia.
“Il ritiro dell’emendamento – continua D’Alia – ci sembra più rivolto ad evitare spaccature all’interno della maggioranza anziché mostrare una reale apertura al contributo delle opposizioni. L’obiettivo dell’Udc – conclude il capogruppo centrista – rimane quello di raggiungere l’equilibrio tra il diritto alla privacy e il mantenimento degli strumenti necessari ai magistrati per le indagini contro la criminalità e i reati odiosi”.

 










Lascia un commento