Manovra: Valdegamberi, Lega difende province riserva di ‘caccia’ padana

Venezia, 27 mag. (Adnkronos) – ‘E’ una decisione che ci trova d’accordo in quanto, da sempre, nei nostri programmi elettorali sosteniamo la razionalizzazione della spesa pubblica anche attraverso l’abolizione dell’ente provincia. Questa proposta ha, pero’, provocato la levata di scudi della Lega, paladina del federalismo in quanto unica riforma in grado di diminuire gli sprechi, di responsabilizzare gli amministratori locali e di lasciare sul territorio le risorse’.

Cosi il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale Stefano Valdegamberi commentando, in una nota, la finanziaria annunciata dal Governo e in particolare il taglio delle Province.

‘Per la Lega – osserva Valdegamberi – le province salvaguardano questi principi soprattutto quando esse sono nella riserva di caccia elettorale padana. Il carroccio sguaina la spada e salva le province sotto i 220 mila abitanti che confinano con nazioni estere come Sondrio, Vercelli, Imperia, Verbania e Verbano-Cusio-Ossola oppure come nel caso di Bergamo lanciano strali inneggianti la guerra civile.

Si escogitano correttivi sulle province di confine come se tali municipalita’ abbiano chissa’ quali specificita’ rispetto alle altre e nel caso della provincia di Imperia si confini con il Bangladesh e non con uno stato fondatore dell’Unione Europea con un’economia, una moneta e radici storico culturali simili alle nostre. Si inventano codicilli per tutelare i propri serbatoi elettorali alla faccia del tanto sbandierato rigore e della volonta’ di diminuire la spesa pubblica’.

‘Il povero Tremonti, ostaggio del giogo leghista – conclude il capogruppo Udc – china il capo e smentisce l’abolizione delle province. Uno spettacolo grottesco che la dice lunga sull’insostenibile inconsistenza del federalismo che verra”.










Lascia un commento