Manovra: De Poli, si approvi fondo da gestire a livello regionale

Roma , 04 GIU (Il Velino) – “Una richiesta di aiuto che arriva da piu’ voci. Tutti i comuni del Veneto in questi giorni hanno ribadito l’appello al governo di fuoriuscire dal patto di stabilita’, amministrazioni con le mani legate che non riescono a impegnare soldi per attivita’ fondamentali per la comunita’. E ricordo che molti comuni sono amministrati da sindaci leghisti”. Cosi’ il segretario regionale dell’Udc Veneto, Antonio De Poli, che oggi a Padova ha presentato insieme al gruppo Udc in consiglio regionale, una proposta di legge per istituire il Patto di Stabilita’ regionale. “Un impegno che avevamo preso in campagna elettorale. Una parola data a cui vogliamo mantenere fede.
L’Anci Veneto ha calcolato che tra i tagli alla finanziaria, il mancato rimborso dell’Ici e minori trasferimenti delle aliquote irpef spettanti ai comuni 2006/2007, nel 2011 i comuni avranno un miliardo 200 milioni in meno da investire.
E ancora. Da una stima effettuata dall’Ance – spiega -, le ditte venete che hanno appaltato per la pubblica amministrazione avanzano circa 350milioni di euro. La nostra e’ una proposta che non costera’ nulla ai cittadini, ma che permettera’ di mettere tutti i fondi vincolati per i bilanci precedenti per gli enti locali ed eventuali risorse supplementari in un unico fondo da gestire a livello regionale. Ci aspettiamo, ora, che la maggioranza accolga la proposta e sia ben disposta ad accoglierla”.










Lascia un commento