Carta autonomie: Tassone, salvate province Lega

(ANSA) – ROMA, 8 GIU – ‘Non solo nel disegno di legge sulla Carta delle Autonomie il governo non ha operato un taglio organico e sostanzioso delle province, come chiedevamo da tempo, ma con un abile e scientifico lavoro di ritaglio ha salvato dalla soppressione le province care alla Lega, adottando come unico criterio la presenza del 50% di territorio montuoso. E’ proprio il caso di dire che la montagna ha partorito un topolino’. E’ quanto afferma, in una nota, il vicesegretario nazionale dell’Udc, Mario Tassone.
‘Questo criterio – sostiene Tassone – crea forti discriminazioni e ingiustizie che potrebbero sfociare in valanghe di contenziosi e rendere cosi il ddl inapplicabile.
Siamo di fronte a un modo di legiferare di parte, che complica solo la vita di alcuni territori e ne risparmia altri per salvaguardare campanilismi e interessi di bottega’.

 










Lascia un commento