Roma: Onorato, impedire gli aumenti delle tariffe dei taxi

Roma, 9 giu. – (Adnkronos) – “In un momento in cui aumenteranno il biglietto per il trasporto pubblico locale, le tasse sui rifiuti e l’addizionale Irpef, e’ impossibile immaginare l’incremento ingiustificato delle tariffe dei taxi, soprattutto se applicato alle corse brevi e brevissime che costituiscono un’alternativa ai mezzi pubblici”. Lo dichiara in una nota Alessandro Onorato, capogruppo Udc in Campidoglio.
“Mentre nelle altre citta’ d’Europa – aggiunge Onorato – i taxi riescono a fare concorrenza a bus e metro, a Roma diventeranno un servizio d’e’lite, grazie alle tariffe piu’ care d’Italia: circa il 50% in piu’ se si considera la tariffa chilometrica di base che, sotto ai 5 km, a Milano per esempio e’ di 0,98 euro e a Roma diventera’ di 1,52 euro”.
“Concordo con il Presidente della Commissione Mobilita’ del Comune di Roma, on. Antonello Aurigemma, – continua il capogruppo dell’Udc – sulla necessita’ di costituire una commissione tecnica che valuti il costo sostenuto dai tassisti per il loro servizio: solo a quel punto si potranno valutare in maniera oggettiva le tariffe, garantendo un giusto equilibrio tra interesse pubblico e interesse privato”.

“Qualunque tentativo di ritocco da parte della giunta Alemanno spiega Onorato – appare come un regalo insensato verso una categoria, che rendera’ il costo del servizio taxi iniquo, ineconomico e incoerente con il momento storico di austerity”.
“Mi auguro -conclude il consigliere dell’Udc- che il sindaco Alemanno e l’assessore alla Mobilita’ Sergio Marchi, con la stessa convinzione con cui propongono gli aumenti delle tariffe dei taxi, si adoperino presso il ministro dell’Economia Giulio Tremonti affinche’ i tassisti possano rilasciare uno scontrino fiscale che riporti orario, percorso, numero identificativo della vettura e importo”.

 

 

 










Lascia un commento