Intercettazioni: D’Alia, basiti da fiducia, è segno debolezza

Roma, 10 giu. (Apcom) – Il gruppo Udc, Svp e Autonomie del Senato voterà no alla questione di fiducia posta dal governo al ddl intercettazioni. Lo ha annunciato il capogruppo Gianpiero D’Alia, nel corso delle dichiarazioni di voto.
“Eravamo pronti – ha osservato il centrista – a discutere senza riserve il testo concordato dalla maggioranza che conteneva apprezzabili novità ma siamo rimasti basiti per il fatto che improvvidamente avete posto la fiducia. Non siamo indignati ma meravigliati da questo improvviso gesto di chiusura”. Tuttavia, ha assicurato D’Alia, “non ci rassegnamo e alla Camera riproporremo le nostre proposte e se la maggioranza le accoglierà siamo pronti a cambiare opinione e voto”.
“Non ha senso né politico né istituzionale porre la fiducia in Senato sterilizzando il confronto proprio nel momento in cui poteva svoltare positivamente”, ha detto D’Alia. “La fiducia – ha concluso – è solo un atto di forza che nasconde insicurezza e debolezza. Non era necessaria soprattutto dopo l’intesa raggiunta nella maggioranza che avreste dovuto offrire al contributo dell’opposizione. Questo dimostra che la vostra coesione dura lo spazio di un mattino”.

Intervento D’Alia su ddl intercettazioni.pdf








Lascia un commento