Inno Mameli negato: De Poli, Zaia si vergogni

(ANSA) – VENEZIA, 13 GIU – ‘Zaia vieta l’inno di Mameli. Si vergogni. Amiamo il Veneto e siamo fieri di essere italiani’.

E’ il commento dell’on. Antonio De Poli (Udc) secondo cui ‘il primo cittadino di una regione dovrebbe dare il buon esempio di rispetto verso le istituzioni. Zaia dovrebbe tenere ben a mente che rappresenta i veneti e quando interviene in qualita’ di Governatore del Veneto non si deve permettere di calpestare la nostra storia. Lancio un appello a tutti coloro che amano il Veneto e si sentono fieri di essere italiani: appendiamo la nostra bandiera fuori dalle case’.

‘E’ vergognoso – dice De Poli – che ieri sia stato impedito il normale svolgimento della manifestazione, per via di un capriccio del Carroccio. Che esempio viene dato ai nostri figli?

Se nemmeno l’alta carica regionale – prosegue – ha rispetto nei confronti dello Stato e della nazione, come possiamo pretendere che i nostri ragazzi di fronte a questi episodi ne abbiano? Mi domando, di questo passo dove andremo a finire con un Governatore che calpesta i valori e non e’ rappresentativo di noi cittadini? – continua De Poli, che ha gia’ pronta un’interrogazione parlamentare – e mi chiedo se domani, al via dei mondiali di calcio, Impedira’ ai tanti tifosi di cantare il nostro inno italiano’.










Lascia un commento