Milano: Enrico Marcora si dimette da capogruppo Udc del consiglio provinciale

Milano, 13 giu. – (Adnkronos) – Domani il capogruppo dell’Udc Enrico Marcora rassegnera’ le proprie dimissioni dal Consiglio provinciale. Alle 18,30 l’incontro con gli amministratori locali per un confronto sui problemi del territorio (Palazzo Isimbardi Sala Affreschi via Vivaio,1) sara’ l’occasione per spiegare le motivazioni di questa scelta e per presentare il primo dei non eletti Alessandro Sancino.

“Essere stato il candidato presidente dell’Udc – afferma Marcora – e’ stato per me un importante opportunita’. Voglio ringraziare i tanti colleghi che hanno saputo trasmettermi la passione per la politica e che con i loro preziosi consigli mi hanno aiutato a crescere. Ora mi impegnero’ nel nuovo importante compito che mi aspetta in Consiglio regionale da dove continuero’ a seguire i problemi di Milano e della Provincia e a spendermi per portare avanti i valori in cui credo e le battaglie che ritengo fondamentali come la realizzazione della citta’ metropolitana”.

“Credo – continua Marcora – che per fare buona politica occorra non solo competenza ma anche tempo e presenza sul territorio. Per questo mi sono sempre battutto contro i doppi incarichi dei vari Stanca, Bonomi o Catania, non per motivi personali ma perche’ ricoprire in modo efficace piu’ incarichi e’ praticamente impossibile, per forza di cosa uno dei due viene trascurato sprecando i soldi dei contribuenti”. 

Al posto di Enrico Marcora subentrera’ il primo dei non eletti dell’Udc Alessandro Sancino di 28 anni, laureato in Economia e Management delle istituzioni pubbliche ed internazionali presso l’Universita’ Bocconi, dottorato di ricerca in Economia delle amministrazioni pubbliche ed ex Presidente del Consiglio Comunale di Melzo.

“Ringrazio Enrico Marcora, – dice Sancino – un amico e, per un giovane come me, un esempio di come la politica possa essere passione e perseguimento quotidiano del bene comune. Raccolgo con grande entusiasmo la sua eredita’ derivante da un anno di lavoro intensissimo in Consiglio Provinciale; continuero’ il suo operato con la stessa passione ed avro’ modo di presentare nella prima seduta del Consiglio le priorita’ programmatiche che contraddistingueranno il mio impegno nei prossimi anni”.










Lascia un commento