Udc: Casini, bipolarismo morto, faremo Partito della Nazione

(ANSA) – ROMA, 23 GIU – ‘Io penso e lo dico da tempo, che il bipolarismo non funzioni. Oggi non sono solo, tutti gli osservatori sereni e seri dicono che non va’. Lo dice Pier Ferdinando Casini, intervenendo a ‘Radio anch’io’ dove parla della nuova formazione politica che succedera’ all’Udc.

‘Il bipolarismo – prosegue il leader centrista – da un lato ha gonfiato Di Pietro, dall’altro la Lega. Il Pd e il Pdl, in questa situazione, non se la passano certo bene’.

‘Io faro’ – dice Casini – il Partito della Nazione; e non pensero’ oggi a chi potrebbe venire con me. Dicono Montezemolo, Fini o chissa’ chi altro… Non sono i nomi che mi interessano ma scommettere sul futuro dell’Unita”. Il leader dell’Udc rileva che si passera’ ‘dalla vecchia Unione di Centro a un partito che pur mantenendo i punti fermi del passato avra’ come principale connotato quello dell’unita’ nazionale. L’Italia sta andando a rotoli – prosegue Casini – e in un momento eccezionale serve sempre di piu’ l’unita’ e ne’ ambiguita’ che vedo da una parte e dall’altra’.

A chi gli chiede, durante la trasmissione, se l’Udc prima o poi entrera’ nel governo Berlusconi, Casini oppone un netto no: ‘Ci sono motivi di sostanza come il cedimento a tutte le pretese della Lega; noi rimarremo all’opposizione, non ci venderemo per le poltrone’.   










Lascia un commento