Intercettazioni: Rao, serve riflessione, inutile correre

(ANSA) – ROMA, 1 LUG – ‘Dopo le parole del Capo dello Stato, le riflessioni del presidente della Camera dei Deputati, le ammissioni di Umberto Bossi e di altri autorevoli esponenti della maggioranza che sono intervenuti in questi giorni, appare chiaro che il ddl intercettazioni deve essere modificato a Montecitorio perche’ contiene delle oggettive criticita”. E’ l’opinione di Roberto Rao (Udc), componente della commissione Giustizia della Camera.
‘Il testo uscito dal Senato – sottolinea Rao in una nota – deve essere quindi oggetto di un ulteriore approfondimento sul quale la maggioranza non ha ancora detto una parola chiara. Per questo i gruppi di opposizione hanno chiesto alla presidente Bongiorno di rappresentare alla presidenza della Camera dei Deputati tutte le perplessita’ sul merito e sui tempi dell’esame del provvedimento. E’ altresi’ evidente che se si cambia anche una sola virgola di quel testo (e una virgola non bastera’), il ddl intercettazioni non diverra’ legge prima del prossimo autunno dovendo essere nuovamente esaminato dal Senato’.
‘Il vero problema e’ se la maggioranza vuole un testo migliore, senza rischi di irragionevolezza e che risponda davvero alle esigenze di giustizia dei cittadini – conclude l’esponente centrista – contemperando al meglio la tutela della privacy, il diritto di cronaca e il diritto alla sicurezza e alla legalita”.










Lascia un commento