Puglia, tv: Udc, Agcom tenga conto dei territori

(ASCA) – Bari, 15 lug – ‘La numerazione automatica dei canali sul telecomando dei pugliesi deve tener conto di una serie di parametri di equita’ e non solo di quello del numero dei telespettatori. Se e’ pur rispettabile la posizione del presidente del Consiglio Introna, non si puo’ non tenere conto del fatto che 44 emittenti pugliesi hanno espresso parere favorevole all’orientamento dell’Autorita’ Garante delle Comunicazioni (Agcom), cioe’ di posizionare le tv locali sui numeri del telecomando da 10 a 19′. E’ quanto afferma il presidente del Gruppo consiliare dell’Udc alla Regione Puglia Salvatore Negro. ‘Le emittenti private restano l’avamposto della liberta’ di stampa e l’elevato numero di presenze sul territorio garantisce la pluralita’ dell’informazione a vantaggio di un diritto costituzionalmente riconosciuto. E’ evidente – continua Salvatore Negro – che nella sua decisione l’Autorita’ Garante deve tenere conto anche delle esigenze dei territori e di quello che le singole emittenti private rappresentano per ogni territorio e la sua storia, evitando decisioni ingiuste e penalizzanti per alcune emittenti a vantaggio di altre. E’ auspicabile, considerata la delicatezza dell’argomento, che questo venga affrontato nelle sedi adeguate, evitando decisioni affrettate e discriminatorie che certo non gioverebbero allo sviluppo del territorio al quale le emittenti private contribuiscono in maniera determinante’.

 

 










Lascia un commento