Umbria: Monacelli, consiglio marginale rispetto sistema istruzione

(ASCA) – Perugia, 19 lug – ‘Con la proposta di atto amministrativo di iniziativa della Giunta ‘Criteri e procedure per la programmazione territoriale dell’offerta di istruzione secondaria di secondo grado in Umbria, per gli anni scolastici 2011/2012 e 2012/2013′ si continua ad assegnare al Consiglio regionale un ruolo decisamente marginale rispetto al sistema di Istruzione’. Cosi’ il capogruppo dell’Udc alla Regione Umbria, Sandra Monacelli, interviene sui contenuti dell’atto illustrato nella Terza Commissione consiliare e rileva come ‘la strada dell’inferno’ sia sempre ‘lastricata di buone intenzioni, infatti, nonostante nelle dichiarazioni programmatiche la presidente Marini abbia fortemente sostenuto il rilancio dell’azione del Consiglio regionale, l’operato dei suoi assessori va in tutt’altra direzione’. ‘Sulla questione del riordino del sistema scolastico – ha aggiunto – non puo’ essere giocata una partita al ribasso che punti sulla limitazione degli effetti dei tagli degli organici del personale docente e degli Ata, ma vanno perseguiti obiettivi piu’ importanti ed ambiziosi, da condividere non solo con le istituzioni scolastiche e territoriali, ma anche con le famiglie e la gioventu’ umbra, al fine di restituire alla scuola la centralita’ formativa, necessaria e indispensabile sempre, ma ancor di piu’ in questo difficile periodo di crisi’. Monacelli rileva poi che nell’atto dell’Esecutivo, ‘invece di specificare l’impatto delle confluenze tabellari, previste dai regolamenti ministeriali, con la reale situazione della scuola secondaria di secondo grado dell’Umbria, si e’ preferito fare soltanto brevi accenni alle difficolta’, assegnando per di piu’ alle Province, piu’ che indicazioni strategiche una ‘normalizzazione della situazione attuale”. Il capogruppo Udc conclude la sua nota sottolineando come la Giunta regionale ponendo la procedura d’urgenza sul provvedimento, ‘oltre alla pretesa di liquidare in fretta e furia un atto organizzativo della scuola di valenza triennale, ha espresso la non volonta’ di affrontare complessivamente le varie questioni inerenti al sistema nazionale di istruzione e formazione, presenti nella nostra regione. E’ dunque – conclude – l’ennesima occasione persa, a tutto svantaggio della societa’ civile umbra’.










Lascia un commento