Agricoltura: Libé, governo incoerente, sostenga settore in difficolta’

Roma, 23 lug. (Adnkronos) – “La politica e l’agricoltura sono entrambe fatte di persone che lavorano, tra le quali pero’ ci sono profonde differenze. Come si incontrano politici piu’ o meno onesti, lo stesso vale per i produttori”. Lo ha dichiarato Mauro Libe’, capogruppo Udc in commissione Ambiente alla Camera, intervenendo a una manifestazione di Confagricoltura a Verona.

“La politica -ha aggiunto Libe’- deve fare di piu’ per l’agricoltura con i fatti e non con le parole. E per un parlamentare i fatti sono i voti in Aula, che spesso non coincidono con quello che viene detto in piazza. Questo e’ un settore che, oltre a essere esposto da sempre a una serie infinita di variabili, e’ chiamato a nuove difficili sfide dalla globalizzazione. I produttori sono costretti a subire la dura concorrenza delle produzioni provenienti dagli altri continenti, dove i costi sono decisamente piu’ bassi. Come se non bastasse, poi, c’e’ il problema della distribuzione, che porta a un forte ricarico dei prezzi a danno dei consumatori e senza che i produttori ne traggano alcun vantaggio”.

“Il governo -ha concluso Libe’- invece di farsi carico dei problemi del settore, intervenendo li’ dove servirebbe e sostenendo i produttori onesti, preferisce portare avanti una politica sbagliata e immorale, fatta di tagli generalizzati e di sostegno ai furbi che violano le leggi. Se non si trovano le risorse per aiutare le produzioni oneste in difficolta’, perche’ non utilizzare quelle destinate a sostenere gli allevatori che hanno violato le quote latte?”

 

 










Lascia un commento