Pdl: Casini, ora Fini e Berlusconi chiedano scusa a italiani

(ANSA) – ROMA, 30 LUG – ‘Ora Berlusconi e Fini dicano agli italiani che hanno sbagliato’. Lo ha affermato in una conferenza stampa alla Camera Pier Ferdinando Casini, che ricorda come a suo tempo boccio’ la nascita del Pdl.

Casini ha espresso ‘preoccupazione per uno scontro istituzionale che non ha precedenti nella storia della Repubblica, visto che non si e’ mai visto che un presidente del Consiglio chiedesse le dimissioni del Presidente della Camera; e questo non va minimizzato’. A suo giudizio la crisi ‘va ricondotta in parlamento’, con il premier Berlusconi che dovrebbe ‘venire a riferire’ alle Camere.

Casini si e’ quindi tolto alcuni sassolini dalle scarpe: ‘due anni fa – ha detto – denunciammo i rischi di un bipartitismo forzato, e ora i fatti e non le chiacchiere ci danno ragione’.

‘Noi due anni fa – ha ricordato – dicemmo ‘non svenderemo i nostri valori’ e fummo svillaneggiati dai fautori del bipartitismo. Berlusconi e Fini insieme si sono presentati agli italiani e insieme dovrebbero ora chiedergli scusa. Quello che accade oggi e’ il frutto di una affrettata unione, e noi lo avevamo denunciato’.

‘E’ stato fatto uno sbaglio collettivo dall’uno e dall’altro – ha insistito Casini – da parti di chi pensava che per fare un nuovo partito bastasse salire sul predellino e da parte di chi ci e’ salito sopra. Ci vorrebbe da parte lo uno atto di umilta”.

‘Noi lo avevamo detto che non poteva reggere – ha concluso – e vorremmo che oggi qualcuno lo ricordasse’.(ANSA).

 

 










Lascia un commento