Terremoto: tangenti; Mantini, avanti inchiesta e ricostruzione

(AGI) – L’Aquila, 3 ago. – “I fatti che emergono dall’indagine penale in Abruzzo sono seri e allarmanti, ma la magistratura deve andare avanti e la ricostruzione non puo’ fermarsi. C’e’ infatti il rischio di un corto circuito che va assolutamente evitato, perche’ legalita’ ed efficienza sono due facce della stessa medaglia. Nel pieno rispetto delle garanzie degli imputati e dell’autonomia della magistratura l’indagine giudiziaria accertera’ le responsabilita’. Spetta invece agli organi politici la massima cura nel garantire trasparenza, concorrenza e regole certe per la ricostruzione utilizzando gli strumenti ordinari e favorendo le gare”.
Lo dichiara il deputato dell’Unione di Centro Pierluigi Mantini, componente della Commissione Affari Costituzionali della Camera, che annuncia: “Come Udc abbiamo chiesto la calendarizzazione in Commissione Ambiente e Territorio della Camera della nostra proposta di legge, sottoscritta da tutti i gruppi, di istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta per la ricostruzione in Abruzzo. E’ tempo che si apra in Parlamento uno spazio istituzionale di monitoraggio e di confronto costruttivo anche per ridurre conflittualita’ e disfunzioni”.










Lascia un commento