Puglia: Negro, pronta pdl tutela paesaggio

(ASCA) – Bari, 5 ago – Il presidente del gruppo consiliare dell’Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro, annuncia in una nota l’intenzione di proporre una legge regionale per regolamentare l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle zone agricole.
Negro si dice ‘contrario all’installazione sul territorio di megacentrali, come quella fotovoltaica su 750 ettari di terreno che un’azienda tedesca vorrebbe impiantare in Puglia, favorevole invece a piccoli impianti, che non influenzano negativamente paesaggio e ambiente ne’ danneggiano il turismo’.

‘La proposta di legge – spiega una nota regionale – riprende una delibera di indirizzo in materia, elaborata dalla Commissione Ambiente della Provincia di Lecce (presidente Nicolino Sticchi) e approvata dal Consiglio Provinciale nella scorsa consiliatura, alla cui stesura ha partecipato anche Negro, all’epoca consigliere provinciale.
La proposta prevede l’installazione di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni in zone agricole che devono coprire una superficie complessiva ridotta in percentuale del territorio comunale’.

‘Dovra’ inoltre – prosegue la nota – essere stabilita la distanza tra impianti fotovoltaici non destinati all’autoconsumo, in modo da evitare l’installazione di mega-impianti frazionati. Altra questione rilevante e’ quella degli oneri per lo smaltimento: la legge dovra’ prevedere, per i proprietari degli impianti, un impegno a prestare polizza fideiussoria bancaria o assicurativa per lo smaltimento dei materiali e delle attrezzature di cui e’ composto l’impianto alla cessazione dell’attivita’; lo smaltimento dovra’ avvenire in tempi brevi dalla data di fine attivita”.
In ogni caso le scelte delle amministrazioni dovranno tenere conto dei vincoli paesaggistici e di tutela ambientale. ‘Va scongiurato il rischio di un’installazione selvaggia e senza regole di impianti fotovoltaici – aggiunge Negro – che comporterebbe come conseguenza danni irreversibili per il territorio.   










Lascia un commento