Ogm: Compagnon, Zaia neo ministro No-global

Roma, 10 ago. – (Adnkronos) – ‘Prendiamo atto che Luca Zaia e’ il neo ministro dei No-global. Il blitz degli attivisti di ‘Ya Basta’, che hanno distrutto una coltivazione agricola di un privato cittadino di Pordenone, e’ un fatto grave, dai risvolti penali evidenti e, come tale, lasciamo alla magistratura il compito di verificarne le conseguenti responsabilita”. Ad affermarlo in una nota e’ il deputato dell’Unione di Centro, Angelo Compagnon, coordinatore Udc del Friuli Venezia-Giulia.
‘Che il presidente di una Regione, invece di stigmatizzare l’episodio, esprima addirittura apprezzamenti per un’azione illegale e’ inaudito’ sottolinea Compagnon che aggiunge: ‘un rappresentante delle istituzioni non puo’ in alcun modo esaltare la giustizia ‘fai da te’, che e’ fuori dal perimetro di ogni democrazia fondata sullo stato di diritto. Delle due l’una: o Zaia ammette di aver esagerato con dichiarazioni da apologia di reato, forse dovute ad un irrefrenabile rigurgito anti Galan, o se ne assume tutta la responsabilita’ optando per le dimissioni’.

Dopo le affermazioni irresponsabili e incendiarie dell’ex ministro leghista, che oggi sembra un fiancheggiatore dei No global piu’ che il Governatore di una Regione, conclude l’esponente dell’Udc, ‘confidiamo almeno in una pausa di riflessione, augurandoci che non si verifichino altri episodi del genere in grado di mettere in pericolo non solo beni materiali ma anche la vita delle persone. Che succederebbe se ogni italiano si sentisse autorizzato a farsi giustizia da se’?’.










Lascia un commento