Federalismo: D’Alia, da Calderoli concezione autoritaria

(ANSA) – ROMA, 16 AGO – Il ministro Calderoli ‘evidentemente ritiene che il governo sia arrivato alla frutta perche’ le considerazioni fatte sul federalismo rappresentano una grave offesa nei confronti del parlamento e sottendono una concezione di chi si ritiene unico depositario della verita’ con una sua concezione autoritaria’. Lo dichiara in una nota il presidente dei senatori Udc Gianpiero D’Alia ricordando a Calderoli ‘che il federalismo per funzionare deve essere condiviso e inserito in una cornice istituzionale ben precisa’.

Secondo l’esponente centrista, ‘al di fuori di questo, c’e’ solo la fine dell’unita’ della nazione: al ministro leghista – avverte – puo’ non dispiacere, ma noi faremo di tutto perche’ cio’ non avvenga’.

Se Calderoli, comunque, ‘eventualmente pensa di approvarsi gli undici decreti legislativi di attuazione

del federalismo fiscale a Camere sciolte bypassando il parlamento se lo puo’ togliere dalla testa perche’ ne’ il parlamento ne’, tantomeno il governo, possono operare se non per gli affari correnti. Dopo Maroni e Alfano – aggiunge D’Alia – Calderoli e’ il terzo ministro che nel giro di pochi giorni dimostra ignoranza e allergia ai piu’ elementari precetti costituzionali’, conclude.(ANSA).










Lascia un commento