Governo: Casini, di responsabilita’ nazionale non anti-Cavaliere

(AGI) – Roma, 19 ago. – L’Udc e’ pronta a prendere in esame con “molta, molta circospezione” l’ipotesi di un governo nuovo in caso di crisi dell’esecutivo di centrodestra, ma – avverte Pier Ferdinando Casini dai microfoni di SkyTg24 – un governo non “contro Berlusconi e la Lega”, poiche’ rischierebbe di essere “un governo debole, non in grado di fare gli interessi della nazione”.

La nostra proposta, spiega ancora Casini, e’ quella “di un governo di responsabilita’ nazionale, cioe’ di un armistizio che comprenda almeno parti del Pdl e parti del Pd. Un governo che non rappresenti una nuova spaccatura dell’Italia, ma che sia un momento di armistizio, perche’ l’Italia sta andando nel baratro, e’ un paese che si sta spaccando, con il nord contro il sud, i magistrati contro i politici, la destra contro la sinistra…”.

Tra i punti da prendere in esame la modifica della legge elettorale e Casini indica soprattutto un punto: “Serve un requisito fondamentale: noi vogliamo che i cittadini scelgano i parlamentari. Non e’ possibile che alcuni boss, e uno di questi sono io, scelgano tutti i parlamentari. E’ una cosa sconcia, gli italiani devono scegliere i propri parlamentari e questo determina un Parlamento sempre piu’ debole. Non capitava neppure nell’Urss di Breznev”.










Lascia un commento