Fiat: Pezzotta, ok patto sociale ma serve di più

(AGI) – Rimini, 27 ago – Il nuovo patto sociale proposto dall’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, va bene ma c’e’ bisogno di qualcosa di piu un nuovo patto allargato alle istituzioni analogo a quello del 1992′. E’ quanto ha affermato Savino Pezzotta . Pur apprezzando la proposta dell’amministratore delegato della Fiat di un nuovo patto sociale per far ripartire il paese, il parlamentare dell’Udc ed ex leader della Cisl ritiene che ‘un nuovo patto tra imprese e lavoratori non sia sufficiente’. Parlando al Meeting di Cl a Rimini, Pezzotta sottolinea che ‘serve un nuovo patto allargato alle istituzioni. Ricordo la concertazione nel 1992’ con l’accordo sulla politica dei redditi sottoscritto dalle parti sociali e dal governo. ‘O facciamo qualcosa del genere o non andiamo da nessuna parte’.

Pezzotta cita ancora Marchionne e l’intervento sempre al Meeting del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, condividendo la visione che da ‘questa crisi esce un sistema molto diverso rispetto al passato. Quando usciremo da questa crisi saranno necessari profondi cambiamenti altrimenti la regola sara’ che i ricchi saranno piu’ ricchi e i poveri saranno piu’ poveri’. E sul presente l’ex sindacalista rileva che ‘non possiamo pensare di reggere con la cassa integrazione e gli altri ammortizzatori sociali’.










Lascia un commento