Libia: D’Alia, indegna sceneggiata, che ne pensa Bossi?

(AGI) – Roma, 29 ago. – “Come lo scorso anno, la visita di Gheddafi a Roma si sta trasformando in un’indegna sceneggiata. Il lusso sfrenato imposto dal leader libico, che contrasta in maniera evidente con il dramma dei barconi che partono dalle sue coste, e le sue lezioni di religione a non meglio identificate hostess italiane rappresentano una provocazione verso i cittadini italiani e i valori del nostro Paese”. E’ quanto afferma, in una nota, il presidente dei senatori dell’Udc Gianpiero D’Alia, che aggiunge: “Mi chiedo, a questo proposito, come mai i leghisti non si indignino sull’ultima perla del dittatore libico, quella sull’Islam religione d’Europa. Forse anche Bossi, dopo Berlusconi, ha chinato la testa alle cattive abitudini del leader libico e pensa di mandargli Miss Padania a sollazzarlo?”.

 










Lascia un commento