Iran: Casini sul suo sito, salviamo Sakineh

Roma, 31 ago. (Adnkronos) – ‘Ho visto in un video la lapidazione di una giovane donna. E’stato duro seguire fino alla fine le sequenze di dolore e di odio’. Lo scrive sul suo sito (www.pierferdinandocasini.it), il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini.

‘In Iran -spiega- dopo averla fustigata, vogliono lapidare Sakineh Ashtiani per adulterio. Per ora, i media iraniani, stanno lapidando verbalmente la moglie del presidente francese Carla Bruni, rea di aver svegliato l’Europa su questo nuovo barbaro crimine. Non voglio sapere chi sia Sakineh, ne’ cosa abbia fatto. Ma sento di dover gridare il mio sdegno, la mia rabbia per non poter fermare da solo questo insulto alla vita che e’ sacra: niente puo’ giustificare questo obbrobrio’.

‘Per questo -conclude Casini- dico: brava Carla e bravi tutti coloro che in queste ore si stanno mobilitando per fermare questo orrore. Facciamo sentire alte le nostre grida: le parole spesso sono le pietre grandi e piu’ forti’.










Lascia un commento