Udc: Romano, non lasciare Berlusconi tra le braccia della Lega

Chianciano Terme, 11 set. (Apcom) – Il coordinatore regionale dell’Udc Sicilia, Saverio Romano, parlando dal palco del meeting di Chianciano dedicato al partito della nazione, invita il partito a “non isolare Berlusconi portandolo tra le braccia della Lega” e a proporgli “un patto”: “Siamo disposti ad aiutarti e sostenerti in cambio della riforma della legge elettorale”.

“Non so cosa dirà il presidente del Consiglio – osserva il potente deputato siciliano, che alle ultime europee ha raccolto oltre 110mila preferenze – in Aula il 28 settembre prossimo ma quello non è solo il suo bivio ma è il nostro bivio: la nostra risposta non può essere solo quella di un governo di transizione post-Berlusconi o quella del tema delle alleanze in caso di elezioni”. Secondo Romano, l’Udc insomma non deve abbandonare l’intento di un’opposizione repubblicana con cui ha avviato la legislatura: “Se l’abbandoniamo ci consegnamo a una politica che appartiene più al Pd che a noi: Non mi piacciono le scelte in materia di giustizia, di intercettazioni e l’astensione sulla mozione di sfiducia a Caliendo. Sulle intercettazioni avremmo dovuto incoraggiare Berlusconi a risolvere un problema che era dentro la sua maggioranza, per esempio. Non possiamo ammainare la bandiera del garantismo solo perché c’è un’utilità tattica”.

 

 

 










Lascia un commento