Governo: D’Alia, premier con pallottoliere in mano contratta voti

(AGI) – Roma, 30 set. – “L’Udc non le votera’ la fiducia, le sue parole non ci hanno convinto. Se va tutto bene perche’ chiede la fiducia su questa minestra riscaldata?”. Cosi’ Gianpiero D’Alia, capogruppo Udc al Senato, in dichiarazione di voto sulla fiducia al Senato afferma che la maggioranza “e’ in una profonda crisi”. Dopo aver avuto una maggioranza schiacciante dalle urne, “e’ costretto a venire in Parlamento per raccattare una maggioranza non avendo la maggioranza degli elettori. E’ venuto a cercare una maggioranza a prescindere” solo per proseguire con un “teatrino”. Ora Pd e Pdl hanno avuto due “scissioni” con Api e Fli “lei viene qui con il pallottoliere in mano a trattare sui singoli senatori”. “Lei e Veltroni avete consegnato la maggioranza a Bossi e l’opposizione a Grillo e Di Pietro”. D’Alia ha attaccato duramente il federalismo fiscale e il piano per il Mezzogiorno, l’opera del governo su giustizia e sicurezza ed ha chiesto che venga espulso Giuseppe Ciarrapico dal gruppo Pdl. L’Udc e’ pronto a lavorare insieme in Parlamento “se ci saranno provvedimenti seri”, ma non votera’ la fiducia.

 

 










Lascia un commento