Metrò Bologna: Galletti alla Camera, via patto stabilità

(DIRE) Bologna, 5 ott. – Dopo il summit della settimana scorsa con il commissario di Bologna, Anna Maria Cancellieri, e’ il deputato UDC Gianluca Galletti il primo a sondare il terreno alla Camera per l’emendamento salva-metro’. Nella seduta della commissione Bilancio di giovedi’ scorso, 30 settembre, Galletti ha posto il tema del superamento del Patto di stabilita’ nel corso della discussione sulla programmazione triennale dei fondi Fas, alla presenza del sottosegretario Alberto Giorgetti. “Al di la’ delle considerazioni sulla ripartizione territoriale delle risorse tra regioni del Mezzogiorno e regioni del centro-nord”, sostiene Galletti, il Parlamento dovrebbe interrogarsi sull’ “opportunita’ di prevedere finanziamenti destinati ad opere infrastrutturale che dovranno essere realizzate dagli enti locali come, ad esempio, la metrotranvia di Bologna”.

Secondo Galletti, si legge infatti nel verbale della commissione, “e’ assolutamente inutile trasferire risorse agli enti territoriali che, poi, non potranno utilizzarle in ragione dei vincoli alla spesa derivanti dall’applicazione del Patto di stabilita’ interno”. Il deputato UDC, dunque, sostiene la necessita’ di “superare le difficolta’ derivanti dall’applicazione del Patto di stabilita’ interno”, che appunto “rischiano di rendere vana l’attribuzione di risorse per la realizzazione di opere infrastrutturale”. Galletti ha invitato quindi il relatore della delibera sui fondi Fas, il deputato del Pdl Remigio Ceroni, a “inserire uno specifico richiamo” sulla questione all’interno della proposta di parere che la commissione ha poi approvato sulla ripartizione dei fondi Fas. La richiesta di Galletti, pero’, e’ caduta nel vuoto.










Lascia un commento