Disabilità: Binetti, ‘down’ discriminati, arriva mozione

(DIRE) Roma, 5 ott. – “Down non fa rima con ‘mongoloide’, ne’ con ‘incapace’. Eppure, nel nostro Paese c’e’ chi la pensa diversamente. Chi e’ affetto da questa sindrome e’ non solo un cittadino come gli altri, ma anche e soprattutto una persona che coltiva affetti, che sa imparare e lavorare”. Lo afferma la deputata dell’Unione di Centro, Paola Binetti, componente centrista della commissione Affari sociali della Camera, che ha presentato una mozione alla Camera contro la discriminazione nei confronti dei ‘Down’. Nel documento, l’esponente centrista chiede al Governo di impegnarsi su piu’ fronti “ad avviare una campagna di informazione per le future madri che si sottoporranno a test cromosomici; a promuovere un tavolo di confronto tra i responsabili dei maggiori parchi di divertimento italiani, le associazioni di costruttori e quelle rappresentative del mondo dei disabili; ad appurare che non ci siano mai tagli nelle leggi finanziarie a discapito dei disabili e di chi e’ affetto da questa sindrome”.

“Purtroppo- sottolinea l’esponente centrista- la mancanza di un’informazione completa a disposizione dei futuri genitori impedisce di sapere quali grandi progressi sono stati compiuti negli ultimi anni per stimolare questi bambini sul piano dell’apprendimento e dell’inserimento sociale e professionale.

Tutto cio’ comporta talvolta decisioni drastiche, ovvero il ricorso all’interruzione di gravidanza. Questa mozione vuole impegnare il Governo a fare di piu’ su questo tema. Oggi si puo’.

Gli episodi discriminatori avvenuti anche quest’estate in alcuni parco-giochi, dove ad alcuni bimbi down e’ stato impedito l’accesso ad una serie di attrazioni sebbene opportunamente accompagnati, non devono essere dimenticati. Il 10 ottobre e’ la giornata nazionale dei Down, un’occasione in piu’ per riflettere e capire se e come la nostra societa’ si dimostra sempre piu’ inclusiva o no”.










Lascia un commento