Terremoto: Serra, ci vuole una legge ad hoc per Abruzzo

(ANSA) – ROMA, 7 OTT – ‘ Sulla scia dei ‘faremo’ L’Aquila, e le zone limitrofe colpite dal terremoto, restano ancora in una situazione disperata. Nonostante l’efficienza dimostrata nei giorni immediatamente successivi al terremoto le criticita’ sono sotto gli occhi di tutti. Tracciare oggi un bilancio significa parlare di 55 mila persone che passeranno un altro inverno senza casa, con la Federalberghi che minaccia di sospendere i servizi sino ad ora erogati’. E’ quanto afferma il senatore dell’Udc, Achille Serra, intervenendo in aula durante l’informativa del sottosegretario per la Protezione civile, Guido Bertolaso.

‘ La situazione – sostiene l’ex prefetto di Roma – non ci sembra affatto sotto controllo, nonostante il governo continui a promuovere l’operato adottato sino ad ora. I contributi di autonoma sistemazione sono fermi, i moduli di Paganica rimangono smontati e inutilizzati’. ‘Perche’ – propone Serra – invece delle solite promesse non si promulga una legge ad hoc, come e’ accaduto in passato per altri sismi? Ci sembra la soluzione piu’ giusta per un paese civile’. (ANSA).










Lascia un commento