Energia: Libè, serve mix equilibrato con rinnovabili e nucleare

(9Colonne) Roma, 8 ott – “Lo sviluppo futuro del nostro Paese non può prescindere da una nuova equilibrata definizione del mix energetico”. Lo ha dichiarato il capogruppo dell’Udc in commissione Ambiente alla Camera, Mauro Libè, intervenendo a un incontro con il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni e il direttore di Nomisma, organizzato a Mestre dall’Associazione Azionefuturo in collaborazione con Enel e dal titolo “Diversificare le fonti di approvvigionamento: una necessità”. “La politica energetica – ha proseguito l’esponente centrista – dovrebbe rivestire un ruolo centrale nell’agenda del governo. E, invece, sono anni che il Paese attende a vuoto pianificazione e investimenti. Un esempio classico è costituito dal nucleare, sul quale è stata fatta tanta propaganda, ma ancora nulla di concreto. O dalla necessaria lotta agli sprechi, per utilizzare al meglio l’energia prodotta”. “A questo punto – ha concluso Libè – non si può più perdere altro tempo. Abbiamo bisogno di un mix energetico diversificato: si deve incentivare realmente lo sviluppo delle rinnovabili, senza però prescindere dal ritorno al nucleare, la sola fonte pulita e allo stesso tempo capace di renderci indipendenti dalle forniture estere. E servono dei Piani Energetici Regionali, per perseguire gli interessi dei territori e risparmiare, organizzando la produzione di energia vicino a dove deve essere utilizzata. Tutte le grandi economie hanno bisogno di una buona politica energetica. Speriamo che il nostro governo se ne renda conto”.










Lascia un commento