Governo: Cesa, prevedibile crollo sistema, probabile voto

(ANSA) – L’AQUILA, 15 OTT – ‘E’ prevedibile che ci sia un crollo di questo sistema che – parliamoci chiaramente – e’ un problema che va avanti da anni. Ed e’ probabile, comunque che si vada al voto’.

Lo ha detto il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, in visita all’Aquila, rispondendo ai giornalisti alla domanda se e’ sempre attuale il rischio del voto anticipato. ‘C’e’ una grande confusione nel centrodestra e questo purtroppo e’ un male per il Paese perche’ e’ chiaro che la rottura tra Berlusconi e Fini, ma anche il logoramento del Pdl crea dei problemi al Paese perche’ non si riesce piu’ a dare risposte – ha continuato Cesa -. A tale proposito, pensiamo a quello che sta succedendo alle Universita’, nell’ambito delle quali non si e’ riusciti a trovare le risorse per un problema relativamente piccolo, ma centrale, come quello dei ricercatori’.

Nell’augurarsi che si vada al voto con una nuova legge elettorale ‘devono cambiare le regole del gioco prima di andare al voto’, Cesa ha evidenziato un’altra criticita’: ‘il sistema bipolare che abbiamo in Italia e’ anomalo perche’ quando a comandare sono gli estremi, da una parte i populisti e la Lega, e dall’altra Di Pietro, e poi quando si fanno i partiti finti perche’ la legge elettorale col premio di maggioranza, come lo abbiamo noi, induce a fare coalizioni per vincere e non per governare, poi le conclusioni sono queste’. ‘Noi – ha concluso – lo abbiamo denunciato anni fa correndo da soli’.










Lascia un commento