Rai: interrogazione Udc, chiarire difficolta’ economiche

(ANSA) – ROMA, 20 OTT – ‘La situazione debitoria della Rai, con un deficit che di qui a due anni superera’ il valore del capitale sociale, ha raggiunto livelli gravissimi, tanto da allarmare la stessa dirigenza dell’azienda’. E’ quanto rilevano i deputati dell’Udc Roberto Rao e Enzo Carra, membri della Commissione di Vigilanza, che hanno presentato un’interrogazione per conoscere le cause di queste difficolta’ economiche e le misure che la Rai intendente adottare per porvi rimedio. ‘In questo quadro – sottolineano gli esponenti centristi – Viale Mazzini ha comunque ritenuto di procedere a nuove assunzioni e ha fatto crescere i costi operativi di circa 50 milioni di euro.

Mentre la raccolta pubblicitaria, nonostante la Rai abbia registrato ottimi dati d’ascolto lasciando Mediaset 6 punti indietro, cresce la meta’ di quella del Biscione’. Per Rao E Carra ‘sono molti gli aspetti che la Rai deve chiarire. Si deve capire se l’investimento di quasi 200 milioni l’anno per le fiction abbia un adeguato ritorno economico, se sia stato opportuno rinunciare ai 50 milioni l’anno offerti da Sky per le tre reti generaliste, se vi siano sprechi facilmente eliminabili e se sia il caso di fermare trasmissioni come Annozero che garantiscono forti introiti pubblicitari. Tutti hanno il dovere di pagare il canone, ma la Rai, proprio perche’ finanziata con soldi pubblici, non puo’ sperperare le sue risorse’.










Lascia un commento