Sanita’: Monacelli, centro fibrosi cistica umbro a rischio

(AGI) – Perugia 21 ott. – “L’unico Centro fibrosi cistica umbro che ha sede all’Ospedale di Branca e rappresenta una realta’ premiata come esempio di buone pratiche per l’alta specializzazione raggiunta potrebbe non sopravvivere piu’ perche’ il suo responsabile e’ costretto a chiedere il collocamento a riposo”. A sollevare il problema e’ Sandra Monacelli, capogruppo Udc in Consiglio regionale che, con una interrogazione chiede alla Giunta quali provvedimenti intende adottare per far sopravvivere “un servizio cosi’ specializzato, la cui mancanza costringerebbe i pazienti umbri di fibrosi cistica a migrare verso i centri di altre regioni”. Secondo Monacelli “l’attuale responsabile del centro di Branca, messo in piedi nel 1993 presso l’Ospedale di Gualdo Tadino, invece di andare in pensione potrebbe essere prorogato in servizio per altri tre anni di tempo, garantendo cosi’ l’obbligo di copertura del servizio a tempo pieno previsto dalla legge”.










Lascia un commento