Procreazione: Bianchi, non decidano i tribunali

(ANSA) – ROMA, 22 OTT – ‘E’ un paradosso Made in Italy: quando ci sono delle buone leggi, si fa di tutto per scardinarle’. Cosí Dorina Bianchi, vicepresidente dei senatori Udc e correlatrice della legge 40, la legge sulla procreazione medicalmente assistita, commenta la sentenza del tribunale di Catania.

‘Se proprio bisogna rivedere la legge – afferma l’esponente centrista – la strada migliore e’ quella che passa per il Parlamento, non certo per i tribunali. E questo vale soprattutto se si deve decidere sui delicati temi di bioetica’.

 










Lascia un commento