Umbria: Ronconi, Pdl e’ a corto idee

(ASCA) – Perugia 28 ott – ‘Il capogruppo regionale del PdL evidentemente a corto di idee e manifestando una scarsa capacita’ di analisi politica, tenta in modo inusuale e scorretto di interferire, per di piu’ con argomenti che meriterebbero ben diversa ponderazione, nel libero dibattito interno all’Udc’. Lo afferma in una nota il Capogruppo dell’Udc in Consiglio della Provincia di Perugia Maurizio Ronconi. ‘Da un partito che non ha mai svolto un congresso, che ha la dirigenza locale da sempre e permanentemente nominata da Roma – scrive l’esponente centrista – non si accettano giudizi sui metodi di gestione di un partito come l’Udc. Il Capogruppo del PdL dovrebbe piuttosto preoccuparsi della schizofrenia del suo partito che a Roma sta proponendo una legge contro le intercettazioni e a Perugia affigge manifesti con le intercettazioni degli avversari politici, che a Roma e’ garantista mentre a Perugia forcaiolo, che mentre grida ‘al ladro’ non perde occasione di trattare sotto il tavolo’. Per Ronconi ‘l’Udc si conferma come l’unico serio partito di opposizione che mantenendo il rispetto per le persone, incalza la sinistra perche’ abbandoni definitivamente un sistema ormai condannato ed inaccettabile. Infine la mia amichevole solidarieta’ a Sandra Monacelli che, suo malgrado, viene strumentalizzata in modo vergognoso da un Capogruppo del PdL che dimostra rozzezza politica ed ineleganza’.










Lascia un commento