Udc: Casini, voto non all’ordine del giorno ma noi pronti

(ANSA) – TRENTO, 5 NOV – “Le elezioni? Non sono all’ordine del giorno. Oggi andare alle elezioni e’ una follia ma se ci fossero noi siamo prontissimi. Siamo la forza determinante del Paese con il 20% e i protagonisti del futuro politico italiano”.

Lo ha detto Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc, rispondendo a Trento ad una domanda circa l’ipotesi di elezioni anticipate.

Parlando del tema ‘governo tecnico’ ha chiarito che “i governi non sono mai tecnici ma politici. Vi e’ comunque un voto del parlamento – ha spiegato – e quindi sempre un’assunzione di responsabilita’ politica”.

Sempre sul tema ‘governo tecnico’ e le ipotizzate proteste Pdl, Casini ha aggiunto: “Purtroppo per molti la Costituzione e’ un impiccio ma finche c’e’ va rispettata. E’ pienamente legittimo cambiare la Costituzione – ha chiarito – chi la vuol cambiare avanzi le proposte e la cambi. Ma accetti il voto popolare se si va ad un referendum”.

“Belpietro e’ un amico, mi stima e gli contraccambio la mia stima. Ma non si tratta di un tema all’ordine del giorno” e’ la battuta di Casini sulla proposta avanzata dal direttore di Libero a Berlusconi, di indicare l’esponente Udc suo erede politico. (ANSA).










Lascia un commento