Governo: Casini, da Lega il federalismo delle chiacchiere

 (AGI) – Desenzano, 6 nov. – “Dal nord… verso il partito della nazione”: e’ lo slogan che si legge sulle bandiere e gli striscioni dei moderati riuniti con il loro leader, Pier Ferdinando Casini, per una convention a Desenzano. Una sorta di prova generale in vista dell’assemblea nazionale che si terra’ a Milano il prossimo 20 e 21 novembre.

Sono in centinaia i simpatizzanti dell’Udc intervenuti all’assemblea dei coordinamenti regionali di Lombardia, Veneto, Piemonte, Friuli Venenzia Giulia, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta. Tutti convinti che l’unica strada possibile sia costituire un terzo polo. A galvanizzare i moderati ci pensa Casini che nel suo intervento non risparmia attacchi al Governo e alla Lega Nord “partito parolaio che al nord ha fatto solo chiacchiere”. Ed e’ proprio sul nord che punta Casini per la nascita del partito della nazione. “Siamo qui – ha detto Casini – ad ascoltare un malumore profondo che c’e’ al nord. Il federalismo delle chiacchiere non ha prodotto nulla nemmeno per il nord del Paese. Qui, la Lega e’ percipita dopo due anni come un partito che ha fatto promesse e non ha realizzato nulla sulle questioni di fondo”.

Durante i lavori un sondaggio sulla situazione politica italiana rafforza l’idea che serva un terzo polo alternativo al centrodestra di Pdl-Lega e al centrosinistra di Ppi-Idv. Il 38,8% degli intervistati ritiene positiva l’ipotesi della nascita di un terzo polo e il 31,1 dichiara che lo voterebbe.










Lascia un commento